Nov 242014
 
Farfalla? No, falena! Chrysiridia rhipheus, la più bella del Mondo.

La distinzione tra farfalle (Lepidotteri Ropaloceri) e falene (Lepidotteri Eteroceri) non ha valore tassonomico assoluto. Dato che, a quanto si ipotizza, le farfalle discendono dalle falene, esistono molte forme di transizione con caratterstiche morfologiche, e talora anche etologiche, intermedie. Ad esempio ci sono falene attive durante il giorno (come molte Zygaenidae e le Castniidae) o

[continua a leggere]
Nov 172014
 
Diaethria, farfalle che danno i numeri

Le farfalle del genere Diaethria vivono nell’America centrale e meridionale. Tutte e 12 le specie di questo genere di Ninfalidi (la stessa famiglia a cui appartengono le nostre Vanesse) presentano una colorazione dorsale scura, con le ali superiori marcate da una banda diagonale blu o verde metallico. Ma quello che colpisce sta sotto le ali

[continua a leggere]
Nov 132014
 
Paysandisia archon, la falena territoriale che attacca le palme

I danni alle palme causati dall’introduzione accidentale del Punteruolo rosso sono ormai ben noti. Un’altra minaccia, benchè per molti meno celebre del sopracitato coleottero, è dovuta ancora una volta alle importazioni di palme dall’estero e riguarda il Lepidottero Paysandisia archon, una bella falena di discrete dimensioni (apertura alare fino a 11 centimetri) che vola da

[continua a leggere]
Nov 102014
 
I bruchi predatori delle Hawaii

Il genere Eupithecia comprende centinaia di specie appartenenti alla grande famigia Geometridae, le cui larve si cibano di foglie, fiori, muchi, licheni e semi. Ma nelle isole Hawaii i bruchi della maggior parte delle specie di questo genere hanno sviluppato una specializzazione particolare: vivono su vegetali, ma non per alimentarsi di questi ultimi, bensì di

[continua a leggere]
Nov 062014
 
Phobetron pithecium, il bruco più bizzarro d'America

Abbiamo già visto in un precedente articolo che tra i bruchi più bizzarri rientrano quelli di molti Limacodidae tropicali, le cui larve hanno evoluto delle specializzazioni del corpo per massimizzare l’aderenza alle piante su cui si spostano. Una delle specializzazioni di questo tipo più eclatanti è quella delle specie del genere Phobetron (rappresentato principalmente da

[continua a leggere]