Set 272013
 
Una delle farfalle più grandi del mondo

Femmina di Attacus atlas, uno dei piu’ grandi Lepidotteri del mondo. (foto di Mario Ioppolo)

Stabilire quale sia il piu’ grande Lepidottero del mondo non è molto semplice: dato che il criterio principale è l’apertura alare, questa puo’ essere misurata in modo differente a seconda della posizione delle ali: per convenzione viene considerata la distanza tra gli apici delle ali anteriori dell’insetto correttamente preparato, ossia con il loro margine inferiore perpendicolare all’asse del corpo; questa è la posizione standard, ma molti esemplari vengono misurati non seguendo questa regola e percio’ con le ali distese a un angolo differente che determina un’apertura alare superiore: ecco dunque che in letteratura è possibile che vengano riportate misurazioni maggiori, tra l’altro in diversi casi le fonti originali non indicano come si trovassero posizionate le ali al momento della misura.

Ornithoptera alexandrae. Le femmine di questa specie possono raggiungere i 25 cm di apertura alare.

Ornithoptera alexandrae. Le femmine di questa specie possono raggiungere i 25 cm di apertura alare.

Tra le farfalle diurne, alcuni Papilionidi indo-australiani noti come Ornitottere (generi Ornithoptera, Trogonoptera e Troides) comprendono alcune tra le farfalle piu’ grandi e piu’ belle del mondo. In particolare, la rara Ornithoptera alexandrae, che vive in un’area relativamente ristretta della Papua Nuova Guinea, con i suoi 25 cm di apertura alare (nelle femmine) è il piu’ grande Lepidottero Ropalocero esistente; in letteratura si cita fino a 30 cm, ma va tenuto conto di quanto scritto sopra. Un po’ piu’ “piccola” è l’affine farfalla Golia (Ornithoptera goliath), con 23 cm di apertura (fino a 28 secondo alcune fonti da verificare).

 

Coscinocera hercules

Coppia di Coscinocera hercules. Le femmine hanno la piu’ grande superficie alare tra i Lepidotteri.

Andando tra le falene (Lepidotteri Eteroceri), è noto che tra i Saturnidi gli asiatici Attacus con aperture alari fino a circa 25 cm la fanno da padroni: se la falena cobra (Attacus atlas) è la specie piu’ nota tra i giganti della famiglia, anche Attacus caesar non è da meno (anzi pare che sia la specie tendenzialmente piu’ grande). E’ citato un esemplare di Attacus atlas proveniente da Java dall’apertura alare record di 26,2 cm. In letteratura si menzionano anche individui fino a 30 cm, ma sono dati da verificare per i motivi citati in precedenza.

Attacus caesar

Femmina di Attacus caesar (foto di Mario Ioppolo)

Di dimensioni ed aspetto simili agli Attacus è l’australiana falena Ercole (Coscinocera hercules), che detiene il primato della maggiore superficie alare. Molti anni fa fu menzionato, nel libro ufficiale del Guinness dei primati, un esemplare gigantesco di questa specie avente 36 cm di apertura alare, tuttavia questa misura non è mai stata documentata con certezza; riferimenti recenti a 27 cm come apertura alare massima sono probabilmente relativi a misurazioni prese non secondo convenzione (vedi sopra).

 Ma lasciamo i grandi Saturnidi per considerare anche un’altra famiglia ricca di falene di grandi dimensioni, pur non avendo una grande superficie alare: gli Sfingidi. La gigantesca sfinge Neococytius cluentius puo’ superare i 20 cm di apertura alare e la sua spiritromba, quando estroflessa, è lunga almeno altrettanto.

Thysania agrippina, il Lepidottero con la maggiore apertura alare. Foto di David Fernando Realpe Jaramillo

Thysania agrippina, il Lepidottero con la maggiore apertura alare.
Foto di David Fernando Realpe Jaramillo

I colossi tra le falene non riguardano solo Saturnidi e Sfingidi: è proprio un Nottuide, anzi,  a detenere il primato di piu’ grande Lepidottero vivente, esclusivamente in termini di apertura alare: Thysania agrippina, gigantesco nottuide sudamericano chiamato “strega bianca”, raggiunge infatti, in alcuni esemplari, i 28 cm come misurazione standard. Notevole anche il rodilegno gigante australiano Endoxyla cinerea (= Xyleutes boisduvali), appartenente alla famiglia Cossidae: con un’apertura alare fino a 25 cm e un peso fino a 30 grammi (nelle femmine) è il Lepidottero piu’ pesante del mondo; il suo bruco, altrettanto enorme, è un incubo per gli alberi di Eucalipto.

Neococytius cluentius, la piu' grande Sfinge del mondo.

Neococytius cluentius, la piu’ grande Sfinge del mondo. (Foto di Paolo mazzei)

Endoxyla cinerea, la falena piu' pesante.

Endoxyla cinerea, la falena piu’ pesante. Foto da CSIRO Entomology

 _____________________________________________________________

E in Italia? Quali sono i giganti della nostra lepidotterofauna?
La pavonia maggiore (Saturnia pyri, famiglia Saturniidae) è il gigante indiscusso dei Lepidotteri Europei con un’apertura alare fino a 16 cm, seguito da un altro Saturnide, l’ormai naturalizzata Samia cynthia (13 cm) introdotta dall’Asia, e dagli Sfingidi Agrius convolvuli (Sfinge del convolvolo) e Acherontia atropos (sfinge testa di morto), ambedue con un’apertura alare fino a 13 cm. Dovrei segnalare anche la presenza di qualche popolazione (proveniente da allevamenti in Slovenia) di Antheraea yamamai, di origine Asiatica e di dimensioni (11-15 cm) simili a quelle di Saturnia pyri, ma dalla distribuzione molto frammentaria in aree circoscritte del Nord Italia. Tra le farfalle diurne, l’elegante ninfalide Charaxes jasius, le cui femmine possono raggiungere i 9 centimetri, è la piu’ grande farfalla diurna d’Europa. Ma anche il Macaone (Papilio machaon) e il Podalirio (Iphiclides podalirius), ambedue della famiglia dei Papilionidi, in alcuni individui vanno molto vicino a queste misure.

Charaxes jasius, la piu' grande farfalla diurna d'Italia.

Charaxes jasius, la piu’ grande farfalla diurna d’Italia (foto di Salvo Porto).

La Pavonia maggiore è il piu' grande Lepidottero europeo.

La Pavonia maggiore è il piu’ grande Lepidottero europeo.

_____________________________________________________________

Beh, a questo punto ci si puo’ chiedere quale sia la farfalla piu’ piccola del mondo. I Licenidi sono noti come farfalle diurne particolarmente piccole e graziose. Brephidium exilis, con un’apertura alare media poco sopra il centimetro, è il piu’ piccolo dei Licenidi e il piu’ piccolo Ropalocero esistente.

Brephidium-exilis-1

Con i suoi 12 millimetri di apertura alare, il Licenide Brephidium exilis è la piu’ piccola farfalla diurna esistente. Foto da Fireflyforest.net

Stigmella

La famiglia Nepticulidae comprende i piu’ piccoli Lepidotteri esistenti.

Ma il primato del piu’ piccolo dei Lepidotteri lo troviamo tra le falene della famiglia Nepticulidae: alcune hanno un’apertura alare inferiore ai 3 millimetri! I minuscoli bruchi di questi microlepidotteri si sviluppano nello spessore delle foglie delle loro piante ospiti (sono dunque larve minatrici).

E’ recente la scoperta di una nuova specie, originaria del Congo e probabilmente appartenente a questa stessa famiglia: i tre individui raccolti avevano aperture alari comprese tra 2 mm e 2,5 mm.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: