Sfinge dell’oleandro
(Daphnis nerii)
10 bruchi piccoli

 7,50

Da nutrire con foglie di oleandro.

Esaurito

Descrizione

Questi bruchi di Sfinge dell’oleandro hanno superato il primo-secondo stadio e il loro allevamento può essere proseguito stabilmente su foglie di oleandro, dando la precedenza, almeno finchè non crescono ancora un po’, alle foglie più tenere.

L’allevamento dei bruchi di Sfinge dell’oleandro è facile purché la temperatura sia sufficientemente mite (dai 20°C in su) e senza eccesso di umidità: dunque non verranno nebulizzati né i bruchi né le crisalidi e verranno utilizzati box di allevamento aerati.

Al momento di andare in ninfosi (crisalide) i bruchi cercano un nascondiglio nel fondo della gabbia o del box di allevamento, sarà opportuno fornire trucioli di carta o ad altro materiale leggero (trucioli, muschio, etc.) dove i bruchi si creeranno un ricovero prima di trasformarsi in crisalidi. Queste ultime sfarfallano entro poche settimane se tenute alla temperatura consigliata minima di 20 gradi: lo sviluppo delle crisalidi di Daphnis nerii può essere rallentato di qualche settimana tenendole a temperatura un po’ più bassa (12-15°C), ma ricordate che le crisalidi di questa specie, che in natura è diffusa stabilmente in aree calde e transita da noi soprattutto come specie migratrice, non tollerano temperature basse per tempi prolungati:  il risultato potrebbe essere la morte della crisalide oppure, se riportata in ritardo a temperature confortevoli, uno sfarfallamento difficoltoso, con ali malformate.