Actias isis – 15 uova

 

 20,00

Disponibilità molto occasionale.

Esaurito

Categoria: Tag: ,

Descrizione

Actias isis è uno dei Saturnidi più spettacolari. Questa grande falena in natura vive esclusivamente nell’isola di Sulawesi (Indonesia). Tra quelle del genere Actias è tra le specie più grandi e ricercate (apertura alare 12-15 cm). La differenza tra i due sessi è molto marcata. Allevate i bruchi alle normali temperature di una abitazione e fate attenzione agli eccessi di umidità: pertanto evitate di nebulizzare acqua su bruchi e su foglie (le piante nutrici eventualmente lavate vanno ben asciugate) e già nei primi stadi garantite una certa ventilazione in piccoli contenitori; quando più grandi (dopo il secondo stadio) potrete allevarli preferibilmente in una gabbia in rete. I bruchi sono più delicati rispetto a quelli di Actias più comuni: diversi allevatori riportano risultati variabili e riscontrano una certa mortalità soprattutto utilizzando piante nutrici diverse da quelle consigliate. La pianta nutrice consigliabile in inverno è l’Eucalipto. Sono segnalate come piante nutrici alternative invernali, ma con percentuali di successo variabili, la Rosa (meglio se rosa selvatica) e il ligustro (in Letteratura si cita in particolare Ligustrum ovalifolium). Nella stagione primaverile ed estiva come caducifoglie è raccomandato il Liquidambar. Come alternativa, oltre alle specie già citate per l’inverno possono essere usati, con risultati incerti, Biancospino, Salice (in particolare è segnalato Salix caprea), Castagno, Quercia, Sommacco americano (Rhus typhina), Melo selvatico e Carpino.  Questa specie non sverna allo stadio di crisalide e i bozzoli sfarfallano entro poche settimane, avendo cura di conservarli a temperature miti. Gli adulti vanno maneggiati il meno possibile perché sono estremamente irritabili e se disturbati tendono a reagire lasciandosi cadere a terra e sbattendo le ali contro il suolo, rischiando di danneggiare facilmente le ali, a partire dalle lunghe, fragili code.

SPECIE SCONSIGLIATA PER L’ALLEVAMENTO DA PARTE DI PRINCIPIANTI.